Nonni in vacanza:
Passione per la montagna!

La montagna Vicentina lambisce la pianura con i suoi verdi pendii, scende in torrenti tra ombrose valli e ospita numerose comunità di artigiani, di allevatori e di altri gran lavoratori. S’impongono, con lento incedere, l’Astico e il Brenta: due importanti fiumi che, ingrossati dalle abbondanti piogge o dal disgelo, attraversano parte della provincia.

La Montagna Vicentina

Lunga e ben distribuita, la montagna vicentina confina ad oriente con la provincia trevigiana e ad ovest con i primi comuni del comprensorio veronese.

Costituisce elemento di delimitazione il Massiccio del Grappa tristemente conosciuto per le numerose battaglie combattute durante la Grande Guerra, mentre il versante opposto conclude con il gruppo montuoso dei Lessini, tra Adige e Valle dell’Alpone.

Gli aspetti orografici sono mutevoli e riservano caratteristiche peculiari in tutta la fascia prealpina. Flora e fauna arricchiscono il territorio con alcune specie rare, laddove sia consentito loro un rifugio dai pericoli e dalle intemperie.

Sopravvivono, sin da tempi remoti, anche numerose leggende: orchi, gnomi, basilischi, draghi, fate, streghe, salbanelli ed anguane! Creature d’ogni sorta, nascoste tra boschi e paludi, in attesa di sortire malefici o cattiverie agli ignari passanti.

Tali credenze erano diffuse soprattutto nel Canal di Brenta, in Valsugana e nella Valle del Posina: un mondo invisibile e misterioso capace di condizionare l’immaginario dei valligiani.

La vacanza in montagna agli inizi del ‘900

Come si preparavano i bisnonni ad affrontare la montagna?

Le vacanze in montagna dei nonni, l'AlpenStock

Abbigliamento tipico nel 1910, con alpenstock, il bastone per le camminate in montagna.

Un adeguato equipaggiamento consisteva in scarpe robuste, galosce avvolte sopra le caviglie, un cappello di paglia e un alpenstock: il tipico e lungo bastone ereditato dalla centenaria tradizione germanica.

Erano sufficienti vesti comode e un tascapane per riporvi alimenti da consumare durante le escursioni o per infilarvi roncole e coltellacci.

Così attrezzati, affrontavano il viaggio verso le ambite località di montagna; tra malghe e rifugi dove poter assaporare i prodotti gastronomici e respirare l’aria fresca dei boschi.

Unico mezzo di trasporto, prima dell’arrivo dell’automobile, era il cavallo ed una robusta carrozza.

Nel 1885 arrivò il treno per le tratte pedemontane di:

  • Torrebelvicino-Schio
  • Schio-Rocchette
  • Rocchette-Arsiero

La tratta Rocchette-Asiago venne inaugurata nel 1908, accorciando comodamente tempi e distanze per raggiungere l’Altopiano dei Sette Comuni.

La Vaca Mora all'uscita della galleria di montagna Cesuna-Asiago.

Nel 1880, invece, avvenne il primo collegamento tra Vicenza e i comuni di Valdagno-Recoaro Terme, con diramazione Montecchio Maggiore-Arzignano-Chiampo.

Le gite in montagna nelle foto e cartoline d’epoca

Arriviamo, infine, alla galleria con le immagini sulle gite e sulle vacanze in montagna nel primo ‘900 e nel dopo guerra, quindi al periodo compreso tra il 1920 e il 1930.

Nella rassegna di foto e cartoline d’epoca vediamo facoltosi personaggi a bordo delle prime automobili e alcune vedute montane riprese prima dello scoppio della Prima guerra mondiale.

Postume alla Grande Guerra, sono le foto ricordo degli aderenti al gruppo CAI (Club Alpino Italiano), fermi in posa lungo la vecchia carrozzabile che conduce all’Altopiano dei Sette Comuni.

Foto Ricordo Gruppo CAI di Vicenza, decennio 1920-30.
Click sulle immagini per ingrandire.
Concludo per lasciare spazio alla selezione di alcune immagini sulla provincia di Vicenza, Belluno, Trento, sospirando al desiderio di riconciliarmi tra il verde canto delle fronde mosse dal vento.

E' vietata la riproduzione, anche parziale, di immagini, testi o contenuti senza autorizzazione.
Articolo precedente:
Prossimo articolo:

Scritto da:

Pubblicato: 18 ottobre 2015

Inserito sotto: Fotografia

Visto: 4536

Tags: ,

Commenti chiusi.